FOSFENISMO utilizzando LUCE POLARIZZATA

Le esperienze legate all’uso dei fosfeni sono alla portata di tutti e possono essere messe in pratica in modo semplice e veloce da ogni persona.

Tra le tecniche elaborate dal Dr. Lefebure, una di queste è il famoso Mixaggio Fosfenico, ce n’è un’altra importante: la Luce Polarizzata.

Fosfenismo utilizzando la luce polarizzata

Questo modo di procedere aggiunge un elemento significativo al regno del sentiero iniziatico, anche se il suo uso da parte della maggior parte dei fosfenisti non è pratica comune.

Come si ottiene la luce polarizzata? Dal momento in cui un raggio di luce viene riflesso da una superficie, viene polarizzato.

Quando si pratica in giovane età l’uso istintivo del Fosfenismo utilizzando il riflesso della luce, e quindi utilizzando la luce polarizzata anche se in forma rudimentale, lascia tracce sottili che possono segnare anche un’intera vita.

Ecco alcuni esempi di persone che hanno usato spontaneamente la luce polarizzata, tratti da vari libri scritti dal Dr.Lefebure:

«… Una signora canadese aveva sogni profetici, e sempre nello stesso periodo dell’anno, in inverno. Era una segretaria e doveva pensare ai temi delle lettere che doveva scrivere. Mentre lo faceva, guardava fuori dalla finestra. E in inverno, il paesaggio era coperto di neve e il sole splendeva luminoso su di esso.

Il signor Cyril H., pittore di Liegi (Belgio), ha fatto un sogno profetico solo una volta nella sua vita e si è avverato nei minimi dettagli. Ciò è accaduto durante un periodo in cui stava dipingendo alberi lungo il bordo dell’acqua, il che gli ha fatto guardare il riflesso del sole sull’acqua tutto il giorno.

Il signor Marcel P., un ex pastore che era diventato il più noto chiaroveggente della regione in cui viveva, da bambino ha concentrato il suo sguardo tutta la notte sulla luna mentre vegliava sulle sue pecore.

Un giovane, il signor Serge V., ci è stato presentato per i suoi doni di chiaroveggenza. Immediatamente, ci ha fornito dettagli su un viaggio che avevamo appena fatto, con dettagli molto precisi di cui non poteva avere alcuna conoscenza. Lo abbiamo quindi interrogato sugli inizi della sua chiaroveggenza. Ci ha detto subito che all’età di quattro anni ha visto il nonno morto apparire come se uscisse dal muro e questo non lo spaventava affatto, anzi. Gli abbiamo quindi chiesto di provare a ricordare se avesse già usato il fosfenismo. All’inizio questo non gli sembrava ovvio. Poi si ricordò che quando aveva quattro anni gli piaceva concentrare lo sguardo sul riflesso del sole sul parquet lucidissimo, e poi alzava gli occhi verso il soffitto per seguire i « cerchi di colore » che vi venivano proiettati e si divertiva a farli muovere con gli occhi. Aveva acquisito questa abitudine perché il suo lettino era appoggiato alla parete opposta alla finestra, che era orientata a sud-est, e perché sua nonna aveva una passione per il parquet ben lucidato. E così, giocare con i fosfeni era diventato un passatempo per lui nello stato di dormiveglia mentre ciondolava a letto. In questo caso e in molti altri troviamo che la chiaroveggenza è piuttosto il risultato di circostanze fortuite che hanno portato al Fosfenismo durante l’infanzia o la giovinezza, piuttosto che le predisposizioni ereditarie.

Ecco la storia di un uomo che i residenti di Berck (dipartimento del Pas-de-Calais, Francia) chiamavano « Padre Pentier ». La sua chiaroveggenza era nota da miglia e miglia e abbiamo potuto verificare che questa reputazione era ben meritata. Ha parlato molto poco, ma tutto quello che ha annunciato si è avverato. Era un pescatore in pensione. Secondo una consuetudine dell’epoca, durante il lavoro aveva sempre pregato e attribuiva la sua chiaroveggenza al fatto di aver chiamato i santi Comas e Damiano, santi che riteneva particolarmente potenti perché originari del cristianesimo primitivo. Ma a nostro avviso, e proprio come in altri casi abbiamo avuto l’opportunità di studiare, per quanto chiaroveggente avesse commesso un errore riguardo all’origine della sua chiaroveggenza. In effetti, le due sillabe « Cos » e « Dam » scandivano molto chiaramente il ritmo della sua litania: attraverso di esse coltivava il pensiero ritmico. E inoltre, all’inizio ci aveva detto che era chiaroveggente solo quando era in acqua. Fu solo molto tempo dopo che ne capimmo il motivo: mescolò le litanie dette per questi due santi con i fosfeni creati dai riflessi del sole sull’acqua, e fu solo dopo un lungo periodo di maturazione del suo cervello attraverso l’uso di questo esercizio che il suo la chiaroveggenza è stata in grado di continuare in assenza di fosfeni.

Vorremmo anche citare il caso della signora Spique che fu soggetta a vere e proprie ondate di chiaroveggenza dall’età di sei anni in poi; per esempio, quando parlava di qualcosa di completamente diverso, vedeva una palla bianca che iniziava a roteare, diventando trasparente. Al suo interno sarebbero apparse visioni che lei descriveva. E così, una volta, ci ha fornito molti dettagli su una persona che si è rivelata essere nostro padre che era morto molto tempo fa e circa

Il riflesso della luce sulla sfera di cristallo di un chiaroveggente

Per ottenere previsioni, su ogni lato di una sfera di cristallo un chiaroveggente posizionerà una candela accesa e quando gli chiederemo come appaiono i lampi, la risposta è « nei colori! » I colori dei fosfeni, ovviamente. Va notato che focalizzando lo sguardo sulla fiamma di una candela si producono due tipi di fosfeni: un co-fosfene e scie provenienti dal movimento della sorgente luminosa, come il riflesso del sole sull’acqua. Ma bisogna essere consapevoli di questo per poter analizzare le sfumature dei colori fosfenici che vengono presi per i colori fisici della fiamma. In effetti, piuttosto spesso e per ignoranza, i colori fosfenici vengono scambiati per colori fisici.

In tutti questi casi il Fosfenismo non è evidente, ma la luce è sempre polarizzata per riflessione.

Allo stesso modo, nei tempi antichi, quando l’illuminazione consisteva nel bagliore di una torcia, veniva posta accanto a uno specchio in modo da potersi vedere e pettinare i propri capelli. Il riflesso della torcia poteva essere visto nello specchio e di conseguenza alcune persone svilupparono « doni » divinatori, che diedero origine a leggende dello « specchio magico ».

La luce polarizzata sviluppa l’intuizione e, con una pratica regolare, la chiaroveggenza. Non diciamo che la Luna ispira i poeti? Sì, ma a condizione di concentrare lo sguardo su di esso.

La tecnica completa è spiegata nel libro del Dr.Lefebure:
La chiave scientifica dei fenomeni soprannaturali.

Nostradamus scriveva le sue previsioni di notte nella sua casa di Salon-de-Provence, alla luce di una candela e spesso di fronte a uno specchio argentato o una sfera di cristallo. E così ha creato un fosfene usando la luce polarizzata. Altre volte si è concentrato sul riflesso della Luna su un vassoio: luce anch’essa polarizzata.

Il modo di Nostradamus di usare i fosfeni ha avuto una straordinaria efficienza, ma è stato completamente nascosto dietro un miscuglio di cose che finisce con il fatto che solo i fosfenisti sono in grado di comprendere il significato delle sue pratiche.

Quando Caterina de Medici chiese a Nostradamus di fare una previsione usando la sua chiaroveggenza per sapere per quanto tempo i suoi eredi avrebbero regnato, stipulò la condizione di avere lei stessa la stessa esatta visione. Il chiaroveggente ha quindi trascorso molte lunghe ore di pratica concentrandosi sul riflesso della Luna su un vassoio d’argento. Un mese dopo, quando finalmente si sentì pronto a soddisfare questa esigenza, dovette fare uno sforzo mentale affinché la regina potesse percepire le varie persone che giravano intorno al vassoio, il numero di rotazioni corrispondente al numero di anni in cui i suoi figli erano andando a regnare.

Questa visione è apparsa all’interno di una nuvola. È ovvio che Nostradamus non ha potuto beneficiare delle condizioni che gli hanno permesso di concentrarsi ogni sera sul riflesso della Luna. Era molto più facile per lui concentrarsi sui riflessi del sole durante il giorno, se non sul sole stesso, o sul riflesso del cielo quando Helios non era presente. La sera poteva anche usare la fiamma di una candela o, meglio ancora, il fuoco del focolare. Essendo i fosfeni altamente trasmissibili per telepatia, tutto ciò che doveva fare era inviare le sue visioni a Caterina de Medici.

La meditazione che utilizza la luce polarizzata facilita la formulazione di previsioni?

La signora David-Neel racconta che uno degli esercizi occasionalmente dati ai novizi nei templi tibetani era quello di concentrarsi sul cielo azzurro per intere giornate alla volta.

Generalmente, le visioni consecutive agli esercizi che utilizzano la luce polarizzata non si verificano durante la pratica ma piuttosto al di fuori delle sessioni; di notte nei sogni o durante il giorno quando i pensieri sono concentrati su qualcos’altro.

Ci sono molti esempi che dimostrano gli effetti dei fosfeni creati dalla luce polarizzata. Quindi, non esitare a sviluppare la tua intuizione e il tuo giudizio, tenendo presente che il 95% dei nostri problemi nella vita sono il risultato di scelte sbagliate e decisioni sbagliate.

Per utilizzare la Phosphenic Pocket Lamp in modalità luce polarizzata, devi proiettare (illuminare) uno specchio concavo del bagno di circa 10 cm di diametro e sviluppare anche il potere telepatico dei tuoi pensieri!

PERCHÉ LA LUCE POLARIZZATA FACILITARE LA CLAIRVOYANCE E LA FIDUCIA IN SE STESSI?

Estratto da: The Scientific Key to Supernatural Phenomena

Ho trovato così tanti casi di doni di chiaroveggenza sviluppati dalla luce riflessa, in particolare sull’acqua, che in Phosphenism and Developing Clairvoyance ho posto la domanda se la polarizzazione della luce rendesse o meno gli esercizi di miscelazione fosfenica più efficaci. In effetti tutta la luce riflessa è polarizzata … Qui, facciamo un altro tentativo per spiegare questo strano fatto.

Luce polarizzata e corda per saltare:
Con una semplice immagine ricordiamo cos’è la luce polarizzata: immaginiamo due bambini che tengono in mano una corda per saltare. Uno di loro farà dei cerchi con la mano. L’onda arriverà all’altro bambino con un movimento a cavatappi. Questa è luce normale. Ma, se interponiamo tra i due bambini due assi parallele piuttosto vicine tra loro, dopo aver attraversato questo passaggio la corda si muoverà su un unico piano. Questa è luce polarizzata. Questo fenomeno fu scoperto da Malus nel 1808.

Le leggi della polarizzazione che ci interessano nella ricerca spirituale:
Ora, in « Estratto dal Bollettino tecnico e scientifico », N ° 34b, ottobre 1951, troviamo un articolo del Colonnello Lesprit (Biblioteca Nazionale BN 4-8 R-55.200) dal titolo: « LO SVILUPPO DELLA POLARIZZAZIONE » che contiene informazioni di grande interesse per noi. In effetti, ci dice:
1) La polarizzazione è perpendicolare al piano di incidenza.
Di conseguenza, se ci volgiamo verso il sole e guardiamo il suo riflesso sull’acqua, la polarizzazione sarà orizzontale (da non confondere con la direzione dei raggi luminosi che vengono ricevuti, che è ovviamente obliqua).
2) « La luce polarizzata orizzontalmente è abbagliante. La luce polarizzata verticalmente non lo è. » (Ci sono applicazioni pratiche di questa osservazione) …

Il legame tra polarizzazione orizzontale e chiaroveggenza:
La polarizzazione orizzontale agisce sulla coscienza, ma la polarizzazione verticale no. Questo perché il post-fosfene consecutivo alla messa a fuoco di una sorgente luminosa tramite un vetro polarizzante orizzontalmente è più luminoso, più forte e più lungo rispetto a quando l’asse di polarizzazione del vetro è verticale. Qui questo indica chiaramente che questo bagliore è collegato a un co-fosfene. Pertanto, non sorprende che la polarizzazione orizzontale della luce agisca sulla psiche più di quella della direzione verticale. Poiché sappiamo che chiaroveggenza e fosfeni sono collegati tra loro, possiamo capire perché la luce che è polarizzata orizzontalmente, quindi il riflesso del sole sull’acqua, facilita questo potere. Inoltre, l’azione favorevole esercitata da questa oscillazione orizzontale della luce (la cui onda va da destra a sinistra) sulla chiaroveggenza ci ricorda la sua importanza nello sviluppo del cervello in generale, e più specificamente nello sviluppo che porta a questo potere: la testa laterale oscilla, alternandosi illuminazione destra-sinistra utilizzando vari dispositivi come l’alternophone, il cervoscopio, il sincroscopio e attraverso l’ascolto di un suono alternativamente nell’orecchio destro e poi nell’orecchio sinistro.

Il caso di Minou Drouet:
In molti dei suoi libri, il Dr. LEFEBURE cita il caso di Minou DROUET, che come molti bambini abbandonati a se stessi e vivendo in condizioni particolari praticano il Fosfenismo e il pensiero ritmico per istinto.

La madre adottiva di Minou DROUET, così come gli amici che aveva in Svizzera, hanno detto alla dott.ssa LEFEBURE che da bambina Minou DROUET non aveva altri passatempi se non quello di concentrare lo sguardo sul riflesso del sole sull’acqua, lasciandosi trascinare i suoi ritmi cerebrali e l’oscillazione della testa da destra a sinistra, su un ritmo pendolare di due secondi con un angolo di 45 °.
Quando era bambina, Minou Drouet, una poetessa che ha avuto la sua ora di gloria negli anni ’60, è stata lasciata a se stessa da sola su una spiaggia per intere giornate alla volta e, come abbiamo ripetuto tante volte, trascorreva la maggior parte del suo tempo guardando il riflesso del sole sull’acqua mentre oscilla la testa da destra a sinistra per istinto senza che nessuno le abbia mai insegnato questo esercizio (vedi Phosphenic Energy Universe, Numero 7, per il download gratuito nello spazio « IL MIO ACCOUNT »). La polarizzazione orizzontale della luce, in cui ogni onda oscilla da destra a sinistra, provoca una risonanza nel cervello su un’ottava molto più alta che porta all’oscillazione della testa o del corpo.

Un altro effetto inaspettato, i fosfeni derivanti dalla luce polarizzata sviluppano una calma interiore, sicurezza di sé e una grande fiducia in se stessi che possono rivelarsi molto utili nella vita. Questa osservazione è stata fatta da adulti e da bambini come Minou Drouet.

Concludiamo queste osservazioni con qualche consiglio pratico: come in tutto lo sviluppo spirituale, ed in particolare quello che ha la sua base nel Fosfenismo, deve essere piacevole ed armonico, e quindi quando si decide di utilizzare la luce polarizzata orizzontalmente per gli esercizi di mescolamento fosfenico , si consiglia di scegliere intensità di luce e condizioni tali che il riflesso sull’acqua in movimento non provochi un effetto abbagliante insopportabile.

Per riassumere, quando si guarda il riflesso del sole sull’acqua che ha un movimento di sciabordio, è necessario posizionarsi direttamente di fronte al sole. Su questa linea mediana lo sguardo può spostarsi avanti e indietro: la polarizzazione rimarrà orizzontale. Tuttavia, vi ricordiamo che affinché appaiano i fosfeni legati ai riflessi, l’occhio deve rimanere fisso.

Se hai a disposizione uno specchio d’acqua con il sole che si riflette su di esso, usa la lampada tascabile fosfenica iniziatica, che viene fornita con una piccola parabola concava per produrre luce polarizzata.

Phosphenic Pocket Lamp