FOSFENISMO E AUTO-REALIZZAZIONE

Di: Simon Pierre L.

Il termine autorealizzazione può essere usato per descrivere individui che hanno attraversato le varie fasi del loro percorso di vita per avvicinarsi alla realizzazione dei bisogni della loro anima.

Secondo Abraham Maslow, uno psicologo americano, sperimentiamo, in primo luogo, bisogni fisiologici di sicurezza, di appartenenza, di autostima e, infine, bisogni di realizzazione. Il processo di autorealizzazione costituisce quindi il gradino più alto. L’elemento più importante per raggiungere questo gradino più alto è la determinazione della visione. La visione è la nostra prima vocazione, la nostra “ragion d’essere”, la vera ragione della nostra esistenza. Non appena sono in qualche modo unici, gli esseri umani costituiscono un fulcro nel processo evolutivo dell’umanità.

Ognuno di noi viene in questo mondo con una missione da compiere, un destino da compiere. Sebbene tutti generalmente ammettano questo fatto, la maggior parte di noi ha difficoltà a determinare a quale settore appartengono. Se sei uno di quelli, ecco alcune istruzioni per te. Quali tuoi doni e qualità sono riconosciuti dagli altri, cosa ti piace fare, in cosa o in quale contesto ti comporti meglio?

Una risposta oggettiva a queste domande ti consentirà di determinare la tua visione. La visione si può trovare anche nascosta dietro i principali difetti di un individuo, poiché un difetto è sempre una qualità che non si esprime nel modo giusto. La visione può anche essere scelta in modo razionale e oggettivo. Quindi, dopo aver riflettuto sui propri bisogni e sui bisogni degli altri, gli individui possono decidere di posizionarsi nella direzione di soddisfare quei bisogni. Per essere efficiente, la visione dovrebbe essere basata sull’amore piuttosto che sulla ricerca effervescente del profitto. Altrimenti, diventa nient’altro che ambizione.

Il principio essenziale da ricordare è che la visione motivata dall’amore ha un futuro, ha bisogno solo di uomini e donne per prendere forma. La visione è davvero molto importante ma non porta automaticamente alla distinzione. La visione ci permette di determinare il dominio a cui apparteniamo (medicina, insegnamento, affari …).
Sono i nostri sogni che determinano l’ampiezza della nostra visione. In altre parole, l’immagine mentale che abbiamo della nostra visione creerà la differenza tra noi e gli altri individui. Ecco perché l’autorealizzazione è una nozione relativa e personale. Non è altro che la realizzazione di ciò a cui tende l’individuo.

In ogni caso, per ottenere una vera realizzazione, un individuo ha bisogno di conoscenza. La conoscenza è una raccolta di informazioni che permette di superare gli ostacoli incontrati dall’individuo. Consente proiezioni e anticipazioni di eventi. Permette anche l’originalità e aiuta ad adattarsi a tutte le situazioni.

La disciplina è molto importante nel processo di autorealizzazione, costituisce la forza e l’anima di tutti i grandi eserciti. Consente l’introduzione del rigore militare nel nostro atteggiamento nella vita, in modo pratico. Consiste nell’usare l’opzione “no” quando è necessario e tenere conto delle nozioni di tempo e spazio nelle nostre azioni. Grazie alla disciplina il nostro lavoro produrrà risultati durevoli e raggiungeremo il massimo delle nostre capacità. Senza disciplina, produciamo molti sforzi e otteniamo pochi risultati. Di conseguenza, diventa quasi impossibile mantenerci al massimo.

L’ultimo fattore importante da tenere in considerazione è l’assiduità: il lavoro diligente ci permette di realizzare i bisogni della nostra anima. Qualcuno una volta ha detto che il lavoro vale il genio. Il lavoro coscienzioso è il modo migliore per raggiungere l’autorealizzazione. In questo mondo, non c’è futuro per i pigri. Qualunque sia la grandezza della tua visione, se non fai nulla, non accadrà nulla. Rifiutare di lavorare significa privarci del 60% delle nostre possibilità di successo. Lavorare nella direzione della nostra realizzazione personale è, sicuramente, il modo migliore per raggiungerla.
L’autorealizzazione può diventare una realtà se decidiamo di utilizzare queste linee guida con saggezza. Il fosfenismo può aiutarci molto. Il fosfenismo consiste nel concentrarsi su una fonte di luce per un breve periodo, quindi chiudere gli occhi e osservare l’immagine della persistenza retinica.

Quella tecnica importante è stata scoperta dal dottor Lefebure. Ha avuto anche l’idea di associare un pensiero al fosfene, creando così il Mixaggio Fosfenico. I fosfeni possono aiutarci molto nel nostro percorso di autorealizzazione poiché tendono a densificare i pensieri ea sviluppare ciò a cui tende l’individuo. A questo proposito, il dottor Lefebure dice: « CHI PENSA MENTRE GUARDA IL SOLE DIVENTA UN SOLE NELLA SOCIETÀ ».