ESPERIMENTI CON MISCELAZIONE FOSFENICA NEL SETTORE DELL'ISTRUZIONE

CON BAMBINI CHE HANNO DIFFICOLTÀ

MISCELAZIONE FOSFENICA
APPLICATO ALL’ISTRUZIONE

Phosphenic Mixing trasforma l’energia della luce in energia mentale.

Il Phosphenic Mixing è un metodo che assicura un rapido sviluppo di tutte le funzioni cerebrali.

Un “fosfene” è la macchia di luce multicolore che appare nell’oscurità, dopo aver messo a fuoco una fonte di luce. La messa a fuoco può durare da trenta secondi a un massimo di tre minuti, quando si utilizza una lampada.

Il Mixaggio Fosfenico consiste nel mantenere, durante la presenza del fosfene, un’immagine visiva o uditiva. Ad esempio, un bambino che vuole memorizzare una lezione canalizzerà tutta la sua attenzione sul fosfene mentre, allo stesso tempo, si concentrerà sul pensiero che vuole memorizzare o sulla voce che può sentire.

Quel pensiero diventa così molto più intenso ed è accompagnato da un’importantissima emissione di energia che aumenterà le capacità intellettuali, mentali e psicologiche nel loro complesso.

Phosphenic Mixing ha effetti rapidi e sostanziali su tutti i bambini.

Descriverò di seguito 3 esperimenti di Miscelazione Fosfenica che ho condotto con tre alunni che hanno molte difficoltà a scuola. I risultati parlano da soli

Vorrei davvero ringraziare Daniel Stiennon per avermi permesso di avere accesso a quella conoscenza, così come Bernard S. (un fosfenista) che mi ha introdotto al metodo.

IL CASO DI VIVIANE, 8 anni, 3a elementare.

Viviane mi è stata presentata come una bambina iperattiva, avendo molte difficoltà con la matematica, sin dalla prima elementare.
Tuttavia, non ha mai ripetuto un anno. Ma, dall’anno in corso, i suoi voti in matematica sono diminuiti costantemente e, per la prima volta, il suo insegnante pensa di farla ripetere l’anno. Sua madre è preoccupata …
L’insegnante ha chiesto a Viviane di sedersi in fondo all’aula mentre disturba le lezioni!

Sua madre non ce la fa più: “È insopportabile”. Viviane è molto esigente, parla a voce molto alta, è molto agitata, ha difficoltà a dormire (in seguito mi ha detto che vedeva fantasmi, facce contorte che la schernivano di notte).

Il giorno in cui l’ho incontrata, stava facendo tutto il possibile per attirare l’attenzione su di sé e non ci lasciava parlare a bassa voce. Si è vestita da donna adulta, indossava gli stivali di sua madre, un vestito piuttosto sexy e ha appeso diverse borse al collo e alle braccia.

1a sessione: osservazione e scoperta del fosfene, preliminare al Phosphenic Mixing, 1 ora.

Viviane mostra molta instabilità, non riesce a concentrarsi sulla lampada, si volta dall’altra parte e guarda a destra ea sinistra. Una volta che indossa la maschera per dormire, vede tutti i tipi di colori, una miscela di rosso, giallo, blu, verde, poi di nuovo rosso, giallo, ecc. A volte, mentre osserva i colori, dice che non può vedere il fosfene ancora. Durante queste osservazioni preliminari, Viviane individua i colori in modo molto anarchico.

Poi, abbiamo parlato delle sue impressioni, ma ha difficoltà a verbalizzare ciò che sente; non si prende abbastanza tempo per pensare. Troppo stressata, vuole passare a qualcos’altro.

Dopo un quarto d’ora la sperimentazione ludica è terminata e si passa al Mixaggio Fosfenico applicato all’educazione.

La sessione inizia sempre con la presentazione orale dell’immagine mentale, prima di iniziare a praticare il Mixaggio Fosfenico. L’energia liberata durante la presenza del fosfene sarà direttamente focalizzata su quell’immagine mentale e la nozione che trasporta sarà rafforzata dal processo.
Inizieremo con la tavola pitagorica di due, che lei non conosce.

Per imparare le tabelline, uso sempre lo stesso procedimento: le chiedo di memorizzarlo all’inizio della seduta, poi facciamo di nuovo lo stesso esercizio alla fine della seduta.

Le recito la tavola dei 2 “davanti alla lampada”, molto lentamente. Poi faccio lo stesso, mentre lei enuncia i numeri, la ascolto. Dato che le manca la motivazione, cerco di incoraggiarla in questo modo.
Poi, con la maschera per dormire, riprendo a recitare quella tavola, ancora molto lentamente e le chiedo di ripeterla mentalmente allo stesso tempo. Il suo fosfene è molto corto. Quindi, ricominciamo e, questa volta, le dico ‘2 per 1 è uguale a …’, e aspetto la sua risposta; se la sua risposta è sbagliata, si ricomincia … e così via. È importante che memorizzi la risposta giusta quindi, se commette un errore, la correggo. Le basta una seconda seduta di Mixing per ricordare perfettamente la tabellina del 2.

Alla fine della sessione, riprenderemo quella lezione. Ma, questa volta al contrario, 2 per 10, 2 per 9, ecc. E proveremo anche combinazioni diverse.
Se l’esercizio si rivela troppo difficile, finiremo con una memorizzazione in ordine crescente, poiché lei lo trova molto più facile.

A parte la memorizzazione delle tabelline, Viviane non può eseguire alcuna aritmetica mentale. Ad esempio, non ha idea di cosa siano 5 più 8! Questo è il suo principale punto debole ”.

Le insegno a usare le dita invece di disegnare le barre: non può contare con le dita senza guardarle, se deve concentrarsi sulla lampada, è persa. Per alzare quattro dita, deve guardare la sua mano. Proviamo con aggiunte molto semplici. Quindi, sotto l’influenza del fosfene, le chiedo di fare le stesse aggiunte e di trovare la risposta corretta. Viviane non può alzare un determinato numero di dita, quindi devo assisterla: le prendo la mano e le faccio alzare il numero corretto di dita.
Il suo fosfene sembra durare più a lungo man mano che procediamo con la sessione e riprendiamo il lavoro sulle aggiunte. Sono state necessarie tre sessioni con fosfeni per ottenere i risultati attesi.

Tuttavia, le sedute vengono interrotte da Viviane che vuole improvvisamente interrompere, dalle sue espressioni di scoraggiamento. Inoltre, sente di aver bisogno di mostrarmi le cose in cui è brava; di conseguenza, dobbiamo interrompere le sessioni di aritmetica mentale per fare un po ‘di lettura, un argomento che padroneggia completamente. È un’occasione per farle i complimenti.
Quindi, riprendiamo la sessione …
Percepisce ancora i colori del fosfene in modo anarchico.

Alla fine della seduta, Viviane sbadiglia molto. Tuttavia, presenta ancora tanta agitazione. Quando ha bisogno di passare da un argomento all’altro, non si prende il tempo di “sistemarsi”.

Quando vedo sua madre dopo la seduta, mi chiede se sono riuscito a lavorare con lei e le confermo che Viviane ha effettivamente fatto degli sforzi, anche se è stato arduo… e che ha lavorato comunque bene, anche se con una certa agitazione. Sua madre è rimasta molto sorpresa che io sia riuscita a incanalarla per un’ora!

2a sessione, una settimana dopo.

Wahoo! Sua madre non riesce a crederci !! Dice che l’atteggiamento di sua figlia nei suoi confronti è completamente cambiato e che il suo comportamento è diverso. È ‘in pace, molto meno emozionata’, ‘le urlo meno’. Viviane ‘si tiene occupata da sola molto di più ”.
Anzi, quando la vedo, è molto più serena, sembra “più equilibrata”, e aspetta con impazienza la nostra lezione del mercoledì.

Le chiedo se ha ancora incubi con facce ghignanti e lei dice che li vede sempre meno, li ha visti due volte ed è molto meno spaventata.

Quindi, iniziamo con le tabelline, l’argomento di oggi è la tavola dei 3. E finiremo la sessione con lo stesso argomento.
Viviane sta ancora rivedendo la tabella che ha appreso durante la seduta precedente e, con mia grande sorpresa, lo sa a memoria.

Quindi, ci accingiamo ad affrontare il “calcolo metodico” dell’addizione: suggerisco di iniziare con poche semplici aggiunte, come 5 più 4, per esempio, e lei riesce a calcolare il risultato in tempi relativamente brevi, un reale miglioramento rispetto alla sessione precedente; usa ancora le dita ma è più veloce e molto più sicura di sé.
Quindi, saremo in grado di affrontare le aggiunte con un numero a due cifre come uno dei termini, 8 più 13, per esempio.
Davanti alla lampada spiego come si fa. A partire da 13, aggiunge 8 usando le dita. Ha ancora l’abitudine di disegnare le battute, ma credo che sia preferibile che passi a una certa forma di astrazione. Le spiego perché e lei capisce perfettamente!
Questa volta è molto più determinata. Tuttavia, ha ancora difficoltà a trovare le sue dita davanti alla lampada.
Quanto alla prima seduta, la aiuto; Procedo allo stesso modo, ma noto che trova la risposta corretta molto più facilmente e molto più velocemente. Non dà alcun risultato frettoloso e si prende il tempo necessario per completare la ricerca.

Una volta terminata la sessione di aritmetica mentale, si passa alla geometria. Afferma di essere ‘molto brava in questo’ e di ‘amarlo!  » Ma la realtà è un po ‘diversa!
Non ha ancora afferrato le nozioni di quadrato, rettangolo e triangolo. Spiego le caratteristiche di quelle figure geometriche prima di passare al lavoro con la lampada.
Le chiedo di ripetere le caratteristiche delle figure geometriche e la correggo quando il suo vocabolario è impreciso o inadeguato e lei ripete. Quindi, esegue la stessa operazione con la maschera per dormire e ha difficoltà a memorizzare. Quindi, ripetiamo l’esercizio più volte. Le chiedo che cos’è un angolo retto, un lato … ora sembra aver assimilato la lezione.
Possiamo passare a disegnare quelle tre figure con un righello e una squadra: il risultato è eccellente, può usare molto bene la squadra (un miglioramento rispetto alla situazione precedente).

Durante questa seconda sessione, non solo Viviane ha memorizzato più facilmente la tavola pitagorica, ma esegue anche aritmetiche mentali più velocemente e con maggiore precisione. Può disegnare un quadrato, un rettangolo o qualsiasi tipo di triangolo con gli strumenti adatti e conosce le caratteristiche di ciascuna di quelle figure.

Anche il suo comportamento è migliorato. Non è così irrequieta, non si distrae. Non cerca di evitare problemi desiderando fare qualcos’altro.
Inoltre, le chiedo quali colori percepisce nel fosfene e ciò che mi dice corrisponde a ciò che mi aspetto.

Durante la prima seduta, Viviane ha anche avuto difficoltà a concentrarsi sulla lampada. Muoveva sempre gli occhi, senza riuscire a mantenere la sua attenzione sulla lampadina. Ora, non ha più quel problema.
Con la maschera per dormire, può anche localizzare la posizione del fosfene davanti al viso.

Ha potuto raccontare quello che ha vissuto: “È bellissimo, mi fa pensare ai quadri (la sua famiglia possiede una galleria d’arte), i colori mi ricordano le meduse”, (aveva visto un documentario di recente).
È molto più determinata, sorride e persino scherza!

Alla fine della sessione, è corsa da sua madre dicendole che era ‘fantastico!’ Ancora una volta, è stata una sorpresa per sua madre che riusciva a malapena a credere di poter lavorare per un’ora senza brontolare! ‘Solo poche settimane fa non sarebbe stato possibile’ mi ha detto.

3a sessione.

La madre di Viviane mi dice che sua figlia è completamente tranquilla e serena, è più determinata nel suo lavoro a scuola, dice che la scuola è ‘molto meno una seccatura!’
La sua insegnante la trova più motivata e meno provocatoria.

Le chiedo di ripetere le tabelline di 2 e 3. Lei le ha memorizzate perfettamente.
Le insegno la tabella dei 4.

Per un calcolo metodico, riesce a mostrarmi il giusto numero di dita guardando la lampada, senza avere nessuna difficoltà. Con la maschera per dormire, mostra ancora qualche esitazione ma c’è un vero miglioramento. Ciò rappresenta un progresso nel dominio dell’organizzazione spaziale.

Con sua grande sorpresa, le sessioni sembrano passare sempre più velocemente. A poco a poco, la sua autostima aumenta. Non mi chiede più di studiare il francese e negli ultimi 5 minuti della sessione le chiedo di fare un piccolo lavoro di arti plastiche, lo farà alla fine di ogni sessione. Viviane è molto contenta!

E, prima di partire, fa un esercizio: pensare ai suoi desideri più cari durante la presenza del fosfene:
‘Mi comporterò bene, non voglio più essere sgridato, avrò buoni voti in matematica oltre che in francese, non avrò più incubi ”.

In verità, la settimana successiva, non ha avuto incubi.

4a sessione.

Quando la rivedo, trovo le sue parole molto più mature; Sto scoprendo un bambino nuovo, meditato, tranquillo, ma pieno di sensibilità. Si confida facilmente con me.

Imparare le tabelline diventa un gioco. Non è più un lavoro ingrato perché è molto entusiasta quando ci riesce! Non si trova più in una situazione di fallimento e, anche se continua a commettere errori, sa che se la caverà grazie al Phosphenic Mixing. Di conseguenza, è di buon umore!

Come un rito, la seduta inizia con lo studio di una nuova tavola pitagorica e con la revisione delle precedenti.

Quindi, si passa al calcolo metodico, affrontando sempre numeri maggiori, come: 5 più 56, sempre utilizzando la stessa tecnica.

Oggi verificherò le sue conoscenze nel campo delle tecniche operative di moltiplicazione; 357 x 5 =?
Non ha effettivamente compreso né acquisito quella conoscenza; moltiplica 5 per 3, poi per 5, poi per 7; cogliamo l’occasione per rivedere le cifre, le decine, le centinaia, le informazioni che aveva completamente dimenticato.
Le chiedo di memorizzare questi numeri poi, sotto l’influenza della luce, le faccio memorizzare più volte:
7: cifre,
5: decine,
3: centinaia;
Poi le chiedo di scrivere con il dito, nello spazio davanti a lei, di fronte alla lampada, i numeri coinvolti nell’operazione: 357 x 5 = mi racconta a voce alta la procedura.
Ripete la stessa cosa sotto l’influenza del fosfene, con una maschera per dormire: disegna il numero 357 con la mano, nello spazio davanti a sé (devo aiutarla un po ‘). Indica le cifre, le decine e le centinaia.
Una volta acquisita, spiega la tecnica operativa, senza preoccuparsi del risultato; Alterna questo lavoro con il calcolo metodico, la geometria; questo la aiuta a rivedere nozioni che abbiamo già studiato e mi assicuro che non abbia dimenticato nulla; se sbaglia, la correggo e lei ripete la risposta giusta.

Terminiamo la sessione con le tabelline, in ordine casuale, all’indietro per le tavole 2 e 3, prima di riprendere il lavoro con le arti plastiche.

5a sessione.

– Tavola pitagorica di 2, 3, 4: revisione. Risultati molto buoni!

– Tavola pitagorica di 5: apprendimento.

– Calcolo metodico per integrazioni del seguente tipo: 4 più 76, 8 più 95: mostra progressi e buoni risultati.

– Tecnica di moltiplicazione, oggi con numeri a 2 cifre, come 312 x 45; lei è totalmente confusa.
Le spiego la tecnica scrivendo su un foglio di carta e le chiedo di memorizzare i numeri in modo che, davanti alla lampada, possa ripetere quali numeri devono essere moltiplicati e in quale ordine. Le ricordo lo spostamento della seconda riga; quindi, una volta che ha finito di moltiplicare 24 per 312, cerca di ricordare l’addizione.
Ripeto la tecnica perché ha commesso un errore.
Sotto l’influenza del fosfene, fa di nuovo la stessa cosa, finché non ha acquisito il metodo senza fare più errori e senza dimenticare nulla. Il processo è stato arduo, ma ci è riuscita. Si dimostra perseverante nonostante le difficoltà che sta vivendo.
Per finire la seduta, le chiedo di fare un’altra moltiplicazione in modo che possa applicare ciò che ha appena studiato con la luce. Ci riesce relativamente bene. Su questo torneremo nella prossima sessione, il mercoledì successivo.

Per il suo ultimo test di matematica, i suoi voti migliorano: da 8 su 20 si sposta fino a 13 su 20. Anche la sua insegnante ha notato un miglioramento nel suo comportamento.

Quindi, pratichiamo la geometria: le chiedo di disegnare un fregio geometrico piuttosto complesso, fatto di quadrati, rettangoli e triangoli. Lo fa relativamente bene: ha notato subito che aveva bisogno di usare la squadra e ha scoperto come posizionarla. Quando ha iniziato, questo non le era affatto ovvio.

6a sessione.

È ancora entusiasta. Ama praticare il Mixaggio Fosfenico!

Mi dice che, ogni sera prima di andare a dormire, osserva la sua lampada da comodino ed emette i desideri che pronuncia alla fine delle sedute.

Come previsto, riprendiamo la tecnica operativa della moltiplicazione; lo ha acquisito.

Di conseguenza, ciò ci consente di affrontare la tecnica operativa della sottrazione; ha meno difficoltà che con la moltiplicazione, le chiedo di procedere allo stesso modo.
Sulla carta, prepariamo una sottrazione del seguente tipo:
3 4 1
– 2 8 9

Con numeri completamente diversi in modo che non ci sia confusione quando Viviane ripete la tecnica oralmente, davanti alla lampada e durante la presenza del fosfene.
Verbalizzo la tecnica che le chiedo di ripetere, finché non riesce a farlo perfettamente, davanti alla luce e poi con la maschera per dormire.
Le chiedo anche di disegnare le cifre davanti a lei con la mano. Ripete le cifre, le decine e le centinaia.
Per ora non le chiedo di dare risultati, solo la tecnica, in modo che lo sforzo di memorizzazione sia concentrato solo sul metodo. Una volta che avrà assimilato perfettamente il metodo, le chiederò di elaborare i risultati.

Dopo due fosfeni, completa con successo una sottrazione, senza dimenticare di riportare dalla colonna delle decine.

Poi, alla fine della seduta, dice che il suo insegnante ha chiesto loro di apprendere la tecnica della divisione per la fine delle vacanze scolastiche e mi chiede di mostrarle come procedere, con l’aiuto dei fosfeni. Sono più che disponibile!

Le insegno la tecnica e gliela ripeto davanti alla lampada e sotto l’influenza del fosfene, dopo averle chiesto di memorizzare i numeri; torneremo a quel lavoro dopo le vacanze in quanto rappresenta molto lavoro per una seduta di un’ora e quindici minuti.

Finisce il suo lavoro di arti plastiche: ha disegnato i numeri e ha aggiunto “i colori del fosfene!”

7a e ultima sessione.

Viviane ha finito di imparare le tabelline con i suoi genitori; Ho spiegato loro come farlo con i fosfeni, tuttavia Viviane è in grado di spiegare l’uso dei fosfeni ai suoi genitori, in modo molto responsabile.

Oggi imparerà la tavola pitagorica del 7.

Ripete i precedenti con successo.

Ha fatto molti progressi nel calcolo mentale, ora stiamo affrontando operazioni come: 24 più 57. Non può più usare le dita e deve trovare un’altra strategia: le chiedo di ricercarla sotto l’influenza del fosfene e lei alla fine trova una soluzione. Sono molto soddisfatto!

Affrontiamo anche numeri più grandi; non ha particolari difficoltà. Capisce abbastanza velocemente. Ad esempio le chiedo di lavorare con il numero 1 9 2 0 7 5 e le chiedo di ripeterlo davanti alla lampada poi sotto l’influenza del fosfene, separando tutte le colonne.
Prima che inizi a scrivere il numero, le dico che deve ripetere il numero di colonne in modo da non dimenticare lo 0 al centro, un errore che fanno molti principianti.

Rivede la tecnica operativa della divisione e l’ha compresa globalmente. Poi dovrà ripetere l ‘“operazione” per non dimenticarla. È molto orgogliosa di dirmi che ha fatto tali operazioni alla lavagna, di fronte a tutta la classe e il suo insegnante le ha fatto i complimenti!

Prima di finire le sessioni, le chiedo di fare un riassunto del suo anno e ci riesce molto bene.

Decido quindi di interrompere le nostre sedute settimanali e di passare “il testimone” a sua madre, che rimane incantata dall’evoluzione della figlia.
Viviane ora dorme molto bene e si sveglia di buon umore, intorno alle 9, quando si svegliava a mezzogiorno, disturbata e agitata.

LAVORARE CON CHRISTOPHE, 11, 4 ° GRADO

Christophe è un bambino di 11 anni molto tranquillo, che ripete la quarta elementare.
Sua madre mi ha informato che ha difficoltà in matematica e grammatica. Inoltre, non è affatto motivato, sente di avere “molti problemi” quando si confronta con i suoi compagni di scuola. Non gli piace la scuola e ha brutti voti. Visibilmente, non sembra trarre profitto dalla ripetizione della quarta elementare.
È anche importante aggiungere che è stato seguito da un logopedista sin dalla seconda elementare.

I suoi genitori si prendono cura di lui dopo la scuola e lo aiutano con i compiti, ma il processo è davvero meticoloso e Christophe è molto lento: deve passare tutto il suo tempo libero a studiare, e questo è molto restrittivo per lui e per i suoi genitori, soprattutto che ha un fratello minore che è in prima elementare e che ha anche bisogno del loro aiuto.

Quindi, come ogni volta che inizio con un bambino, verifico il suo livello di lettura. Come nel caso della maggior parte dei bambini (a parte Viviane che era “non standard”) Christophe non ha imparato a leggere e ha difficoltà sin dalla prima elementare. Inciampa nel testo, la sua lettura è incerta, esita. E, quando ha difficoltà a leggere una parola, “corre avanti”, la legge con noncuranza e riprende a leggere più lentamente, come se nulla fosse. Ovviamente non coglie il significato del testo!

Inizieremo la sessione con una presentazione del Fosfenismo. Molto rapidamente, sento che Christophe aderisce al processo e, fin dall’inizio, è entusiasta.

Gli chiedo di leggere un frammento di un testo a sua scelta, nel manuale francese per la quarta elementare: 9 o 10 righe, non di più. Quindi, sceglie la frase con cui ha più difficoltà, in particolare con le parole difficili da leggere o capire.
Poi, gli chiedo di scrivere quelle parole e gli spiego il loro significato prima di iniziare la sessione di Phosphenic Mixing.
Davanti alla lampada, inizia scrivendo quelle parole, dando il loro significato e ripetendo più volte quell’esercizio.

Quindi, con la maschera per dormire, ripete la stessa operazione; ancora una volta, ho letto la frase che sta per memorizzare e ripetere senza inciampare su una sola parola. Deve saper leggere fluentemente, con la giusta intonazione e rispettando la punteggiatura. Quindi, spiega ciò che ha capito.

Durante il fosfene, se c’è tempo, leggo tutto il paragrafo e lui cerca di spiegarmi quello che capisce. Se necessario, lo aiuto in modo che, alla fine, capisca il significato del testo.

Quando la sessione di Mixing è finita, Christophe rilegge il testo ad alta voce e riprende a spiegare ciò che ha capito. A volte gli chiedo di scrivere un’intera frase per facilitare la memorizzazione dell’ortografia delle parole.

Allo stesso tempo, gli chiedo di fare l’analisi grammaticale sotto l’influenza del fosfene: deve riconoscere dove sono il nome (proprio o comune), il determinante (la sua natura), il verbo (il suo gruppo e il suo tempo) , l’oggetto diretto o indiretto, il complemento di circostanza, l’avverbio, ecc.

Come con gli esercizi descritti sopra, fa di nuovo la stessa cosa, una volta che il Mixaggio Fosfenico è finito.
Gli chiedo anche di scrivere la frase con la maschera per dormire, nello spazio davanti a lui, prima di scriverla su carta. In questo modo, può concentrare tutta la sua attenzione sulle sensazioni cenestesiche fornite dai suoi movimenti, un processo che aiuta a memorizzare l’ortografia. La coscienza legata alla motivazione sarà così più stimolata e più efficiente.

Abbiamo fatto ricorso a quattro sessioni di Mixaggio Fosfenico di un’ora ciascuna durante le quali ho posto l’accento sull’apprendimento della lettura / comprensione.

Negli ultimi 20 minuti gli ho chiesto di risolvere problemi matematici (lettura, comprensione, sottolineatura degli elementi importanti dei termini): tutto ciò sotto l’influenza del fosfene; Christophe si stava divertendo sempre di più in quel campo.

Per la geometria, i suoi progressi furono straordinari; dopo la seconda sessione aveva già fatto molti progressi e si sentiva sempre più a suo agio.

Man mano che si sentiva più sicuro con la lettura, stava crescendo anche in tutti gli altri domini: per lui, il Mixaggio Fosfenico è stata una rivelazione molto potente che gli ha permesso di imparare in modo efficiente e approfondito.

Dopo le 4 sessioni, gli ho consigliato di praticare il Mixing a casa con l’aiuto dei suoi genitori anch’essi molto entusiasti: ha dovuto studiare le tabelline, continuare a leggere, imparare lezioni di geografia e storia e risolvere problemi di matematica.

Lo sentii due anni dopo: Christophe era arrivato alle medie senza alcuna difficoltà e con ottimi voti; gli piace studiare e pensa di diventare un veterinario!

UN CASO SPECIALE: KELVIN, 8 ANNI, 3 ° GRADO

Kelvin è un bambino che ha difficoltà a scuola, in tutti i campi. È in terza elementare, non ha ancora ripetuto un anno, ma il suo insegnante pensa di fargli ripetere l’anno in corso.
Mi ha detto lui stesso che ha avuto una grave caduta da una bicicletta all’età di tre anni. Ha avuto un trauma cranico e ha trascorso un mese in ospedale dove è stato regolarmente sottoposto a risonanza magnetica. Tuttavia, i suoi genitori non ne hanno parlato.

Il suo aspetto fisico era la prova di un disturbo acuto, il suo viso aveva un’espressione sgradevole, i suoi occhi sembravano vuoti e la sua acconciatura accentuava la mancanza di equilibrio.

Iniziai così ad accompagnarlo, al ritmo di un’ora e mezza a settimana: gli facevo fare i compiti; ma molto rapidamente ci siamo resi conto che quel tasso non sarebbe stato sufficiente. Quindi, ho deciso di vederlo due volte a settimana, per un’ora in più.

Durante il suo anno di terza elementare, non ho praticato il Fosfenismo con lui per il semplice motivo che, all’epoca, non avevo accesso a quella conoscenza.

All’inizio ho diagnosticato subito grossi problemi di lettura e comprensione, sdrammatizzati dai suoi genitori. Così ho deciso che una delle due sessioni settimanali sarebbe stata interamente dedicata al miglioramento della lettura: ho utilizzato un metodo di 1 ° elementare per imparare a leggere che ha dato ottimi risultati e gli ho fatto fare il programma di 1 ° grado.
I suoi progressi erano tangibili anche se lenti.

Kelvin ha svolto il resto del lavoro con difficoltà e non ho avuto abbastanza tempo per approfondire l’intero programma di terza elementare. Inoltre, si stava stancando molto velocemente e la consapevolezza non sarebbe rimasta impressa nella sua memoria; la sua capacità di immaginazione sembrava inesistente; giocava ancora con i peluche a cui era particolarmente affezionato.

È appena passato alla quarta elementare ed è da quell’anno, il 2000, che ho potuto insegnargli il Mixaggio Fosfenico, come l’avevo scoperto pochi mesi prima. È stato il primo allievo a cui ho insegnato usando il Fosfenismo!

Kelvin leggeva un piccolo paragrafo da un testo di quarta elementare. Quindi, memorizzava una frase complicata con la quale aveva avuto difficoltà e scriveva le parole davanti alla lampada, con una maschera per dormire. Quindi, memorizzava la frase a memoria. Glielo avrei letto più volte e lui avrebbe dovuto ripeterlo senza sbagliare, in modo fluido e con la giusta intonazione.

Alla fine del fosfene, avrebbe letto di nuovo il paragrafo, perfettamente. Se la recitazione non fosse stata perfetta, avrebbe dovuto ricominciare da capo, cosa che ha richiesto molto impegno per lui. Ma, a poco a poco, ha iniziato ad apprezzare il lavoro con il fosfene.

Con la lettura, Kelvin è progredito relativamente velocemente e la cosa più sorprendente è stata che il beneficio del Mixaggio Fosfenico si rifletteva su tutte le sue letture, anche su ciò che non leggevamo insieme. Comprendeva sempre meglio e iniziò a sviluppare la sua immaginazione per comprendere il significato di certe parole, analizzando la categoria della parola o usando il contesto.

Allo stesso tempo, ha sviluppato la sua memoria, in tutte le materie inclusa la storia, che all’inizio odiava.

Dalla nona seduta, l’espressione di Kelvin ha iniziato a cambiare. Aveva ritrovato un’espressione normale, voleva cambiare acconciatura e indossare abiti diversi. Si era fatto nuovi amici e le sue attività preferite erano lo sci, andare in bicicletta e il giardinaggio. Aveva chiesto a sua madre di mettere i suoi peluche in una scatola, non voleva più vederli sul suo letto.

A scuola, i suoi risultati stavano migliorando gradualmente, lentamente ma inesorabilmente e regolarmente.

Dopo aver parlato con i suoi genitori, ho scoperto che non era più sottoposto a risonanza magnetica e che aveva smesso di consultare uno psicologo.

Ho continuato a lavorare con lui durante i suoi interi 4 °, 5 ° e 6 ° anno.

Poi, mi sono trasferito in un’altra regione e, di conseguenza, non sono stato in grado di continuare a lavorare con lui. Tuttavia, mi ha inviato cartoline regolarmente, dicendomi che tutto andava bene per lui alle scuole medie.

Aveva sempre sognato di diventare giardiniere, tuttavia, recentemente, è passato a voler diventare un orticoltore o un insegnante di storia e geografia, le materie che odiava di più quando gli insegnavo!

Vorrei rendere omaggio al considerevole lavoro del dottor Lefebure. Attraverso le sue opere, ci ha lasciato una fonte inesauribile di soluzioni, tra le altre cose, per aiutare i bambini che hanno difficoltà importanti, sia intellettuali, mentali o psicologiche.

Ogni volta, sono sempre molto sorpreso di assistere agli effetti incredibilmente benefici del Mixaggio Fosfenico sui bambini. L’influenza della luce e del pensiero sulle funzioni cerebrali è notevole.

Il mio più grande desiderio è che questo metodo avvantaggi il maggior numero possibile di insegnanti per alleviare le difficoltà degli alunni. Il miglioramento dei risultati a volte è eccezionale e, in tutti i casi, dopo tre settimane di miscelazione fosfenica, al ritmo di un’ora a settimana, i bambini sono progrediti enormemente.

Phosphenism © Estratto da ‟Phosphenic Energy Universe”.